Sistema CIA
26.01.2016

NUOVO REGIME PER LE AUTORIZZAZIONI DI NUOVI IMPIANTI VIGNETI

leggi »
09.04.2015

Servizio civile nazionale

leggi »
vedi tutti »»





20.01.2013

Novità sui documenti di accompagnamento dei prodotti vinosi

Dal 1° gennaio 2013, sono entrate in vigore importanti novità, in materia di compilazione dei correnti documenti di accompagnamento dei prodotti vinosi; nello specifico gli articoli 24 e 31 del Regolamento UE n. 436/2009, modificati dall'articolo 2, punti 3) e 7) del Regolamento n. 314/2012, prevedono l'obbligo di integrare i documenti che scortano il vino, sia allo stato sfuso sia confezionato, mediante il codice fornito dal nuovo registro europeo denominato 'E-bacchus'. L'origine di tale procedura deriva dal nuovo regolamento della Commissione europea che prevede la creazione di documenti elettronici generati e trasmessi per via elettronica, costituendo - di fatto - la base del sistema di certificazione dei vini a indicazione geografica. 'E-bacchus' è - in pratica - una banca dati che:
- comprende il registro delle denominazioni d'origine e delle indicazioni geografiche protette nell'UE ai sensi del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio;
- elenca le indicazioni geografiche e le denominazioni di origine dei paesi extra UE protette nell'UE dagli accordi bilaterali sugli scambi di vino conclusi tra l'UE e i paesi interessati;
- elenca le menzioni tradizionali protette nell'UE ai sensi del regolamento (CE) n. 1234/2007 del Consiglio.

L'Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressioni frodi (ICQRF) con le circolari n. 0017213 del 20 dicembre 2012 e n. 0017424 del 24 dicembre 2012, ha fornito le istruzioni per le indicazioni da riportare sui documenti di accompagnamento dei vini. Si tratta, nello specifico, di riportare sui DDT e/o Documenti di accompagnamento (DOCO) la seguente dicitura:
- per i vini D.O.P (doc, docg): “il presente documento vale quale attestato di DENOMINAZIONE DI ORIGINE PROTETTA”, seguita dal numero del codice: “E-Bacchus”;
- per i vini I.G.P. (igt): “il presente documento vale quale attestato di INDICAZIONE GEOGRAFICA PROTETTA”, seguita dal numero del codice: “E-Bacchus”;

Nel caso dei soli vini a D.O.P. in aggiunta, ed a seguire, alle informazioni indicate sopra, dovranno essere riportati: il riferimento ai dati identificativi della certificazione, rilasciata dall’Organismo di Controllo incaricato, nonché il nome e l’indirizzo elettronico del’Organismo di Controllo medesimo. Lo stesso ICQRF, con la circolare n. 893 del 21 gennaio 2013, in riferimento alla circolare n. 17213 del 20 dicembre u.s., ha chiarito che la compilazione dei documenti di accompagnamento per i prodotti vitivinicoli a Do/Ig confezionati e circolanti all'interno del territorio della Comunità Europea - con effetto immediato - è da considerarsi facoltativa; la spedizione, quindi, potrà avvenire senza riportare sui DDT e/o DOCO, il codice e-bacchus , i riferimenti alla certificazione ottenuta e alla struttura di controllo

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI
Dipartimento dell'Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressioni frodi - Prot. uscita del 21/01/2013 n. 893

OGGETTO: applicazione degli artt. 24 e 31 del Regolamento (CE) n. 436/2009. Circolazione vini confezionati - Precisazioni Si fa riferimento alla nota prot. n. I7213 del 20 dicembre u.s. di questo Ispettorato concernente l'applicazione, a partire dal 1° gennaio 2013, degli articoli 24, paragrafo l, lettera b), e 31 del Reg. (CE) n. 436/2009 (così come innovati, rispettivamente, dall'art. 2, punto n. 3) e n. 7), del Reg. (UE) n. 314/2012). Al riguardo, la competente Direzione generale delle politiche internazionali e dell'Unione europea del Dipartimento delle politiche europee e internazionali ha comunicato a questo Ispettorato di aver rappresentato ai Servizi della Commissione UE che la compilazione del campo del documento di accompagnamento per l'indicazione dell' attestazione di cui al richiamato articolo 31, possa essere considerata come facoltativa nel caso in cui la spedizione riguardi esclusivamente prodotti confezionati circolanti all'interno del territorio dell'Unione europea. Inoltre nella nota richiamata, la citata Direzione generale ha espresso l'avviso che, nelle more del parere che verrà fornito dalla Commissione UE, la compilazione del documento di accompagnamento dei prodotti confezionati potrà avvenire, fin d'ora, senza riportare le indicazioni previste a norma del richiamato articolo 31. Quanto sopra si comunica a precisazione delle indicazioni fornite con la circolare prot. n. 17213 del 20 dicembre 2012, citata in premessa. Si prega di dare ampia diffusione della presente al personale interessato.

Il Direttore Generale (Emilio Gatto)



scarica file »

« torna all'elenco





www.ciaveneto.it





Agricoltura e vita | CAF | INAC | CAA | Turismo Verde | AIEL | AGIA | Donne in Campo | ANP | ©2008 CIA Treviso | P.iva 03013650266 | cia.treviso@ciatreviso.it